Coronavirus, AnciToscana: niente Tari per le imprese economiche chiuse - ANCI Toscana

27 Apr

Coronavirus, AnciToscana: niente Tari per le imprese economiche chiuse

Raspini scrive all'assessore regionale Fratoni: si porti la proposta in Conferenza Stato-Regioni

Anci Toscana chiede alla Regione di attivarsi nella Conferenza Stato-Regioni per la cancellazione della Tari relativa all'anno 2020 per le attività economico produttive chiuse, sia per legge che per le conseguenze dell'emergenza Covid.  E' Francesco Raspini, delegato dell'Associazione per politiche ambientali e rifiuti e assessore di Lucca, a scrivere all'assessore Federica Fratoni in proposito.

"In questa fase di straordinaria emergenza, riteniamo opportuno prendere in considerazione la difficoltà delle attività economiche e produttive nel pagamento della Tari, in riferimento al periodo di chiusura, imposto dalle disposizioni in materia di gestione e contenimento dell’epidemia COVID-19 - scrive Raspini - . Al contempo, i soggetti gestori del servizio di igiene urbana e i Comuni, già com’è noto in affanno dal punto di vista finanziario, andrebbero incontro ad un minor gettito che verrebbe a gravare sulla generalità degli utenti Tari o Tari corrispettivo, dato che il regolare svolgimento del servizio di igiene urbana oggi costituisce un presidio indispensabile.Inoltre, si pone l’esigenza di prevenire possibili contenziosi sul corrispettivo  del tributo nel periodo in questione. Tale ultimo aspetto, peraltro, assume particolare rilevanza in presenza di norme regolamentari che possono trattare in maniera disomogenea tale fattispecie, creando situazioni di disparità".

"Prendendo atto che tale questione si rileva su tutto il territorio nazionale - continua l'assessore - si propone di far approvare previsione normativa di seguito riportata, in uno dei prossimi provvedimenti legislativi legati all’emergenza in atto".

Ecco la proposta di Anci Toscana:

Esclusione della TARI/TARIP per attività economico produttive chiuse per legge o comunque chiusea seguito della situazione emergenziale

ART. ___ “Misure in materia di Tassa Rifiuti Solidi Urbani”

  1. Per l’anno 2020 la Tari o della Tari corrispettivo non sono dovute dalle attività economiche e produttive per il periodo di chiusura imposto dal DPCM dell’11 marzo 2020 e sue successive proroghe. L’esenzione si applica alle attività economiche indicate dal DPCM dell’11 marzo 2020 nonché alle attività economiche chiuse nel medesimo periodo a causa della situazione emergenziale in atto.
  2. Al fine di garantire la continuità del servizio di igiene urbana, il minor gettito, comprensivo dell’addizionale provinciale Tefa, dovuto alle previsioni del comma 1 viene rimborsato dallo Stato ai Comuni in regime di Tari o ai gestori in caso di Tari corrispettivo ed alle Province ed alle Città Metropolitane tramite l’istituzione di un apposito fondo.
  3. A tal fine con successivo decreto, da emanarsi entro 60 giorni dall’entrata in vigore del presente provvedimento, del Ministro dell'Economia e delle Finanze verranno stabiliti i termini e le modalità con cui i Comuni in regime di Tari e i soggetti gestori in caso di regime di Tari corrispettivo potranno presentare la domanda per l’erogazione del finanziamento del minor gettito.

 

 

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa