fbpx
Stampa questa pagina
Le nuove sfide per i borghi: presente e futuro in una maratona on line
09 Ott

Le nuove sfide per i borghi: presente e futuro in una maratona on line

Il 15 e 16 ottobre due giorni di dibattito e confronto, chiuderanno Giani e Biffoni

I borghi d’Italia: un patrimonio fondamentale del nostro paese che oggi sta tornando prepotentemente al centro del dibattito pubblico, con la riscoperta di una dimensione del vivere quotidiano più a misura d’uomo e più vicina all’ambiente. La Toscana, costellata di piccoli centri dalle tradizioni antiche, è una terra ricchissima anche sotto questo aspetto

Ma la valorizzazione dei borghi, per non fermarsi alle apparenze da cartolina, deve essere necessariamente accompagnata dalla concretezza degli obiettivi e delle politiche. Per questo Anci Toscana ha deciso organizzare una maratona on line dedicata al tema: “Presenti al futuro”, un hackathon che si svolgerà il 15 e 16 ottobre, nell'ambito della storica rassegna Dire e Fare. 

Due giorni ricchi di interventi e appuntamenti che cercheranno di dare risposte ai principali quesiti emersi fino ad oggi: quali nuovi modelli di sviluppo e di comunità? Come accelerare il rilancio? Quali politiche per trasformare punti di debolezza in punti di forza? Come favorire una sana riattivazione residenziale ed economica? A discuterne sindaci, amministratori, associazioni, docenti universitari, tecnici, in cinque diverse sessioni tematiche su servizi, infrastrutture, turismo, finanziamenti, energia. In chiusura, il pomeriggio del 16 ottobre, a tirare le fila saranno il neo presidente della Regione Eugenio Giani e il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni. 

“Con ‘’Presenti al futuro’ si realizza una fase di confronto a più' voci e di proposta, che vuol significare anche un salto di qualità nell'iniziativa dei borghi toscani e di Anci - spiega Pierandrea Vanni, sindaco di Sorano e responsabile Amci Toscana per i borghi - Ormai si va affermando con forza una richiesta di fondo:i borghi vogliono vivere e conservare intatta la loro qualità della vita e il loro ruolo di tutela del patrimonio storico, artistico e naturale.I borghi vogliono andare dunque ben oltre l'effetto cartolina e pongono al governo nazionale, al parlamento, alla Regione e agli stessi Comuni una istanza precisa: servono politiche mirate e una programmazione degli interventi che assicuri i servizi essenziali per i cittadini, che superi gli squilibri e le criticità che si sono accumulate negli anni e che consenta ai borghi di assolvere a compiti nuovi in una società in profonda trasformazione”. 

Tra gli ospiti ricordiamo Massimo Castelli, coordinatore nazionale Anci Piccoli Comuni e sindaco di Cerignale, il paesologo Franco Arminio, l’antropologo e scrittore Vito Teti,  Legambiente, Symbola, Fondazione Etica, Ocse, Cresme, docenti dell’Università di Firenze, di Torino, del Politecnico di Milano e tanti sindaci, che porteranno la forza della loro esperienza sul campo e coordineranno i tyavoli: oltre a Pierandrea Vanni, Lucia Baracchini sindaco di Pontremoli, Roberta Casini responsabile Agricoltura Anci Toscana e sindaco di Lucignano; Agnese Carletti sindaco di San Casciano dei Bagn; Nicolò Caleri responsabile Politiche Controesodo Anci Toscana e sindaco di Pratovecchio Stia.

Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming. Qui il programma