Coronavirus, appello dai sindaci dei Comuni montani di confine - ANCI Toscana

02 Mag

Coronavirus, appello dai sindaci dei Comuni montani di confine

Toscana ed Emilia Romagna: autorizziamo gli spostamenti tra Regioni e nelle seconde case

Autorizzare gli spostamenti tra Regioni diverse e nelle seconde case dei cittadini che abitano nei territori montani e di confine: è l'appello dei sindaci di Toscana ed Emilia Romagna, che in una lettera ad Anci nazionale chiedono al presidente Decaro di farsi portavoce delle loro proposte al governo. Una richiesta forte e condivisa da Anci Toscana, con cui i primi cittadini interpretano le esigenze dei loro cittadini, abitanti di territori con caratteristiche ben diverse dalla maggioranza di città e centri urbani. Tra i sindaci toscani firmatari Giovanni Morganti (Vernio), Tommaso Triberti (Marradi), Primo Bosi (Vaiano), Emanuele Piani (San Godenzo), Gugliemo Bongiorno (Cantagallo), Giampaolo Buti (Firenzuola), Philip Moschetti (Palazzuolo sul Senio).

"I nostri comuni risultano collocati in area interna, montana e di confine, e già questo evidenzia la difficoltà di poter offrire servizi adeguati alle persone che qui hanno deciso, nonostante tutto, di continuare a vivere e ad operare - scrivono i sindaci - Queste tre caratteristiche porteranno inevitabilmente ad un impatto forte, certamente non assimilabile a quello di aree dove è più agevole la vita. Per questo avanziamo alcune riflessioni, per noi di fondamentale importanza".

"Riguardo gli spostamenti all’interno della propria regione, essendo comuni di confine, abbiamo molte relazioni familiari (anche strette) a cavallo tra le due regioni, con situazioni che - distanziati da pochi chilometri - vedono affetti separati in due regioni diverse, e che allo stato attuale ne impedirebbe i ricongiungimenti: si rischia di creare nel giro di pochi chilometri, cittadini di serie A e cittadini di serie B. Sarebbe perciò auspicabile la possibilità di consentire, per tali casi particolari e comprovati, gli spostamenti interregionali, magari anche limitatamente al Comune immediatamente confinante dell'altra regione".
Sul tema delle seconde case "è certezza che, nonostante l’enorme sforzo messo in campo dalle nostre Polizie Municipali e dalle forze dell’ordine, con l’arrivo della bella stagione sarà impossibile intercettare tutti gli spostamenti non consentiti, ed in particolare quelli verso le seconde case di proprietà, dove per altro alcuni cittadini hanno la residenza anagrafica. E allora sarebbe forse opportuno studiare delle regole che, fermo restando il principio fondamentale e inderogabile della tutela della salute di tutti i cittadini residenti e no, consentano di rendere possibili e regolari questi spostamenti. Si potrebbe, per esempio, prevedere che lo spostamento sia di ragionevole durata, tale da garantire una lunga permanenza in loco. Lo spostamento potrebbe essere accompagnato da una dichiarazione formale da inviare al comune di destinazione, in modo che si possa avere il controllo delle presenze sul territorio. Nei nostri territori molti cittadini, originari di queste montagne, si trasferiscono per passare l’intero periodo estivo".
"Siamo profondamente convinti che i nostri territori, anche per la scarsa densità di popolazione, abbiano tutte le caratteristiche per consentire una migliore condizione di sicurezza sanitaria rispetto agli agglomerati urbani - scrivono ancofra i sindaci - Ma siamo altrettanto convinti che i provvedimenti che sono costruiti per rispondere a livello nazionale abbiano la necessità di essere 'affinati' territorio per territorio. Per questo chiediamo che a livello nazionale siano prese in considerazione le problematiche dei comuni montani e rafforzata l’attenzione e il sostegno verso le aree interne e di confine, consentendo a noi amministratori di poter disporre di tutti gli strumenti per agevolare la vita nei nostri territori, ivi compresa la possibilità di sperimentare nuovi metodi di convivenza con il Covid-19, a partire dai servizi primari quali, per intendersi, quelli socio-sanitari, scolastici e trasporto pubblico locale, che nei nostri territori hanno caratteristiche completamente diverse rispetto alle grandi città"

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa