Assemblea Anci ad Arezzo, Decaro: "Più risorse e meno burocrazia" - ANCI Toscana

20 Nov

Assemblea Anci ad Arezzo, Decaro: "Più risorse e meno burocrazia"

Il discorso davanti a Capo dello Stato. "Il Governo ascolti i sindaci"

“Il 10 dicembre, in occasione dell’anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, noi tutti, senza distinzioni, saremo a Milano, insieme a Liliana Segre per farle sentire la nostra vicinanza, il nostro affetto, la nostra condivisione per un impegno quotidiano contro ogni forma di violenza e di sopraffazione”. Così il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, in un passaggio della relazione di apertura della XXXVI assemblea nazionale dell’Anci che si è aperto ad Arezzo. Salutando il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, presente alla giornata inaugurale, Decaro ha ribadito che i sindaci saranno a Milano “indossando le nostre fasce per manifestare il nostro disprezzo e la nostra vergogna per quello che la senatrice Segre e le tantissime vittime della Shoah hanno dovuto subire. I sindaci non vi lasceranno soli”.
Decaro, visibilmente commosso, si è poi rivolto alla gremita platea che ha riempito la sala plenaria in ogni suo posto. “Voglio dire grazie a tutti gli amministratori locali che in questi tre anni ho conosciuto e con i quali ho avuto la fortuna di lavorare”. Il presidente dell’Anci ha quindi ricordato e salutato i tanti sindaci che in questi giorni sono alle prese con l’emergenza maltempo, a cominciare da Luigi Brugnaro e Raffaello De Ruggeri, primi cittadini di Venezia e Matera. “A Luigi e Raffaello che non hanno voluto, giustamente, abbandonare le loro città in questi giorni così complicati, voglio dire grazie. A loro va l’abbraccio caloroso di questa assemblea”. Un ricordo commosso Decaro lo ha voluto riservare anche Emanuele Crestini, sindaco di Rocca di Papa, morto il 20 giugno scorso dopo aver lottato nell’ospedale in cui era stato ricoverato a causa delle ustioni e del fumo inalato durante l’incendio del palazzo comunale. “Ho voluto una sedia vuota in prima fila, oggi. Con una fascia tricolore. Su quella sedia, che per me non è vuota, c’è ancora seduto accanto a noi in questa assemblea Emanuele Crestini. Emanuele è morto per salvare la sua gente e quella gente deve sapere che questa assemblea, che tutti noi, che tutto il popolo italiano non dimenticherà mai lui così come Angelo Vassallo, Gianni Carnicella e Donato Iezzi. Morti non da eroi ma da sindaci, umili e straordinari servitori del Paese. Anche a nome di questi amministratori, signor presidente della Repubblica, le porgo il saluto e la ringraziamo per aver scelto questa assemblea e questa giornata per dimostrarci, ancora una volta, vicinanza e attenzione, che noi interpretiamo come il riconoscimento della centralità dei Comuni nel sistema politico – istituzionale e nella vita del Paese”.
Decaro ha poi elencato le principali priorità che verranno affrontate nei prossimi mesi nel confronto con il governo, partendo dai piccoli Comuni “Ci siamo battuti per veder approvare una legge che insieme abbiamo costruito. Una legge che, però, purtroppo, giace lì, con pochi fondi e senza una reale capacità di azione, senza una opportunità di futuro. Lì, in quei Comuni, noi, lo Stato, in tutte le sue forme e articolazioni, abbiamo il dovere di restare e continuare a tenere viva la storia e la vita di quei paesi”.
Decaro ha quindi chiesto “un impegno serio al governo”, e “risorse, investimenti per riqualificare le emergenze storico-architettoniche, per valorizzare i prodotti tipici, identitari, dell’enogastronomia. Torniamo ad accendere le luci in quei borghi, nelle case, per le strade, illuminiamo i monumenti. Per questo vogliamo sostenere una proposta del sindaco di Sutri, Vittorio Sgarbi. Illuminiamo i piccoli Comuni a partire dai tesori custoditi in quei territori, istituiamo un fondo per l’illuminazione dei loro beni artistici: chiese, castelli, fortezze. Abbiamo pensato di chiamarlo “Luci nella storia””.
Richiamando poi le questioni ancora aperte come quelle dei Comuni terremotati, del dissesto idrogeologico, delle proposte di legge “Liberiamo i sindaci” e della legge sulla educazione alla cittadinanza, il presidente dell’Anci ha ricordato le istanze dei sindaci sulla prossima legge di bilancio, rimarcando come agli enti locali non si possano chiedere altri sacrifici.
E poi il sistema di riscossione. “Pensate – ha detto Decaro – che per i Comuni le modalità dell’ingiunzione sono quelle disciplinate da un decreto del Regno d’Italia emanato prima della grande guerra, nel 1910. Dal 1910, anno in cui per la prima volta, in Germania, il dirigibile Zeppelin si alzò in volo per il trasporto passeggeri e il presidente del consiglio nel nostro Paese era Luigi Luzzati, da quel momento si sono succeduti 66 capi di Governo, ci sono state due guerre mondiali, dalla monarchia siamo passati alla repubblica, attraverso una dittatura, ma le modalità di ingiunzione sono sempre le stesse”. Un passaggio anche sul bando periferie. “I membri della Commissione Parlamentare sulle periferie – ha spiegato Decaro – per poco più di un anno, hanno visitato le nostre città, ci hanno ascoltato, hanno lavorato per cambiare. Oggi quella commissione è stata soppressa e non ne conosciamo i motivi. Non bastano tredici mesi per conoscere e cambiare un pezzo di Paese dimenticato da sempre. Per questo chiediamo al Parlamento che, così come è stata ripristinata la dotazione di fondi che ci era stata assegnata, venga ripristinata la commissione. Chiediamo che lo Stato scenda per strada insieme a noi. E se c’è il rischio che, scendendo in strada, si scoprano anche inefficienze e mancanze di noi sindaci, bene, accettiamo il rischio, ci assumiamo le nostre responsabilità”.
Le persone e i loro diritti “sono da rimettere al centro”, per questo Decaro ha fatto un altro appello al governo che in questa tre giorni sarà rappresentato ai massimi livelli. “Chiediamo strategie chiare e precise. Un’agenda politica nazionale che ponga le città al centro e che faccia delle buone pratiche urbane esempi da replicare in tutta Italia”.
“Io non so se tra le doti che solitamente individuano un leader ci sia l’umiltà, forse no, ma direi che è la dote migliore dei sindaci – ha concluso il presidente Decaro -. Umiltà che vuol dire innanzitutto consapevolezza dei propri limiti. E attenzione, ho detto umili, non ho detto stupidi. Siamo umili ma sappiamo quello che vogliamo. Siamo umili ma non ci facciamo mettere i piedi in testa da nessuno. Siamo umili ma non siamo accondiscendenti. Fate attenzione alle persone umili. Perché magari fanno meno scenate, meno teatro, sono meno supereroi. Ma sono quelli che possono cambiare il mondo”.

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa