Educazione civica a scuola, la nota Anci dopo l'approvazione alla Camera - ANCI Toscana

08 Mag

Educazione civica a scuola, la nota Anci dopo l'approvazione alla Camera

Saranno ripresentate al Senato alcune proposte fondamentali per i Comuni

Il 3 maggio scorso la Camera ha approvato il disegno di legge "sull'introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica", passato ora all'esame del Senato. Il testo nel corso dell'esame alla Camera è stato unificato con altre proposte di legge presentate da varie forze politiche e con la proposta di legge di iniziativa popolare dell'ANCI. Pubblichiamo di seguito la nota di sintesi  di Anci sullo stato di attuazione del disegno di legge e sui principali contenuti.

Stato dell'arte disegno di legge "Introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica - Il testo unificato che reintroduce l'educazione alla cittadinanza è stato licenziato il 30 aprile dall'Assemblea della Camera dei Deputati. Il progetto di legge è la sintesi di circa 15 proposte presentate da diverse forze politiche e della proposta di legge d'iniziativa popolare dell'ANCI. La proposta dell'ANCI rappresenta il risultato dell'impegno e dell'entusiasmo di tantissimi cittadini e cittadine, un grande traguardo perché siamo riusciti, mobilitando migliaia di Sindaci, a raccogliere in pochi mesi 100 mila firme ed a portare in Parlamento la nostra proposta di legge. Un successo che è stato riconosciuto anche dal Parlamento e in virtù del quale l'ANCI ha chiesto anche durante l'audizione di aprile che si tenesse conto della volontà popolare nella redazione del testo di legge presentando alcune osservazioni al testo.

Al momento il testo (AS 1264) passato all'esame del Senato ha recepito diverse questioni contenute nella nostra proposta di iniziativa popolare; tra queste:

-     Materie di insegnamento: la declinazione delle materie di insegnamento che vanno dallo studio della Costituzione, delle istituzioni dello Stato Italiano e dell'Unione europea, alla educazione ambientale, digitale, dei diritti umani, elementi del diritto del lavoro, educazione alla legalità, rispetto dei beni comuni;

-     l'insegnamento sarà oggetto di valutazioni periodiche e finali autonome con un orario non inferiore alle 33 ore annue;

-     sinergia scuola territorio: saranno realizzate da parte dei Comuni iniziative in collaborazione con le scuole, con particolare riguardo alla conoscenza del funzionamento delle amministrazioni locali e dei loro organi e alla conoscenza storica del territorio.

Ripresenteremo in Senato alcune questioni per l'ANCI fondamentali: Ribadiremo con forza un aspetto sostanziale intorno al quale ruota la nostra idea progettuale, ossia che si introduca il concetto di   "educazione alla cittadinanza" piuttosto che di educazione civica, perché l'obiettivo della proposta di legge è quello di formare i cittadini e le cittadine responsabili e attivi. Ciò significa non solo insegnare le norme fondamentali degli ordinamenti di cui siamo parte, ma anche aiutare i ragazzi e le ragazze a trovare dentro di sé e nella comprensione degli altri, le basi etiche da cui dipendono sia il rispetto delle norme esistenti sia l'impegno a volerne di migliori. E' su questo principio 100 mila cittadini e cittadine hanno espresso il loro consenso.

Rinnoveremo inoltre la richiesta di istituire, presso il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, una Commissione per la definizione delle Linee guida per la materia di insegnamento. Nell'ambito della Commissione chiederemo la partecipazione di uno più rappresentanti dell'ANCI.

 

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa