Stampa questa pagina
Un nuovo portale sul gioco d'azzardo, la proposta di Anci Toscana
18 Dic

Un nuovo portale sul gioco d'azzardo, la proposta di Anci Toscana

Il documento presentato dalla sindaca Simona Neri all'Osservatorio regionale

Un portale regionale dedicato al gioco d’azzardo patologico: è questa una delle proposte di Anci Toscana contro questa grave patologia, presentate in un documento all’ultima riunione dell’Osservatorio regionale sul tema. Ad illustrarle il sindaco di Pergine Laterina Simona Neri, coordinatrice del Progetto speciale Anci Toscana contro le ludopatie e il bullismo e da tempo in prima fila in questa difficile missione; una battaglia condivisa con Federsanità, che anche in questo caso ha supportato l'Associazione. 

“Il documento – spiega Simona Neri - ha lo scopo di sottoporre agli altri protagonisti del tavolo una proposta di ‘intelaiatura’ delle azioni, che permetta di rendere più efficace la progettazione sia dal punto di vista tecnico/metodologico che della governante”

Le misure principali sono quattro: impostare un monitoraggio continuo e verificare l’effetto delle politiche applicate; massimizzare le azioni di governance per evitare sovrapposizioni operative; promuovere la raccolta di buone pratiche territoriali; rafforzare il sistema territoriale di presa in carico come delineato nelle linee guida regionali.

Il documento è stato presentato agli assessori, consiglieri regionali, rappresentanti di Comuni, organizzazioni di volontariato, esperti in materia di contrasto al Gioco d’azzardo patologico e ai rappresentanti dei SerD delle 3 Asl toscane, tutti ‘presenti al Tavolo dell’Osservatorio.  Si tratta di misure in buona parte già presenti nell’ultimo Piano di Contrasto Regionale e che corrispondono ad alcune priorità che il tavolo toscano di Anci intende promuovere.

“Attualmente Anci Toscana è coinvolta nell’ambito di un progetto di formazione per i tecnici comunali (Polizia Municipale e Suap) per migliorare i sistemi di regolamentazione, controllo e sanzione – spiega la sindaca - Nell’ambito di questo progetto verrà promossa la raccolta di buone pratiche territoriali, utili per fornire riferimenti di benchmarking per la rete dei comuni toscani”.

Per Simona Neri “lo sviluppo di questa azione, insieme alla necessità di fornire ai territori della Toscana un 'luogo' di raccolta non solo delle buone prassi, ma del monitoraggio scientifico, delle iniziative e dell’apparato normativo, rendono strategica la creazione di un portale dedicato al gioco d’azzardo patologico cui Anci è interessato a partecipare. Particolarmente strategica sembra essere inoltre la metodologia della 'peer education' nelle scuole e dell’utilizzo positivo delle piattaforme web rivolte ai giovani”.