Piccoli Comuni, all'assemblea Anci l'appello dalla Toscana - ANCI Toscana

24 Ott

Piccoli Comuni, all'assemblea Anci l'appello dalla Toscana

Decaro legge la lettera del sindaco di Londa: "Impegnatevi anche per noi"

Nella sua relazione inaugurale alla XXXV Assemblea di Rimini, il presidente nazionale dell’Anci Antonio Decaro ha parlato anche dell’importanza e del ruolo dei Piccoli Comuni. E lo ha fatto leggendo la lettera che qualche giorno ha ricevuto da un sindaco toscano, il primo cittadino di Londa Aleandro Murras. Un riconoscimento all’impegno e alla passione di cui Murras si è fatto portavoce, in una regione così ricca di storia e con un tessuto sociale e geografico particolarmente caratterizzato. Murras apre la sua lettera con l’apprezzamento per la mobilitazione per il ripristino del “Bando periferie”, aggiungendo: “Vorrei che codesta Organizzazione, a cui sono affiliati migliaia di piccoli Comuni sotto i 5.000 abitanti, dove risiedono circa 10 milioni di cittadini e a cui siano stati stanziati dalla relativa legge solo 160 milioni di euro in sette anni, si occupassero con altrettanta energia anche del futuro di queste amministrazioni.”. “Tanto per fare dei calcoli approssimativi – continua il sindao di Londa - nelle città capoluogo e metropolitane ogni cittadino ha ricevuto in un'unica soluzione circa 51 euro ad abitante, mentre nei piccoli comuni solo 16 euro in sette anni (2,2 euro all'anno). Pertanto mi aspetto e mi immagino che le Associazioni si batteranno con altrettanta energia almeno per portare il fondo per i piccoli Comuni da 160 a 510 milioni di euro, perché i cittadini non devono essere discriminati sulla base della loro residenza anagrafica. Sperando che questo non rimanga un mio sogno”.

Da canto suo, Decaro ha detto che “l’Anci non è fatta di recinti o di gruppi contrapposti tra loro: piccoli contro grandi, Sud contro Nord, destra contro sinistra. Siamo tutti sindaci e tutti responsabili dei destini delle nostre comunità. Tanti problemi delle amministrazioni più piccole sono stati al centro del nostro confronto con il Governo, a cui abbiamo chiesto di riempire di risorse e contenuti la legge Realacci”.

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa