#Toscanasicura, Biffoni: "Dal nuovo governo attenzione e risorse" - ANCI Toscana

16 Apr

#Toscanasicura, Biffoni: "Dal nuovo governo attenzione e risorse"

Il convegno in Regione sulle strategie per rispondere al disagio dei cittadini

Sicurezza ‘partecipata' sabato scorso di scena a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza della Regione. In oltre duecento si sono iscritti  all'evento organizzato da Regione e Anci Toscana: amministratori locali e regionali, prefetti, rappresentanti delle forze dell'ordine ma anche cittadini e associazioni di cittadini, categorie economiche e ordini professionali, esperti dell'Irpet, del Sant'Anna, del Cnr e dell'Università di Firenze. Gomito a gomito, per tre ore abbondanti, mischiati e seduti ad otto tavoli ciascuno guidato da un facilitatore e che hanno invaso più sale del palazzo che si affaccia sulla centralissima piazza del Duomo, pronti a confrontarsi su come rendere città e paesi più sicuri o semplicemente farli percepire a chi li abita e frequenta tali.  Il primo obiettivo è  quello di capire e analizzare, quindi scambiarsi buone pratiche ma anche superare luoghi comuni e costruire insieme linee guida condivise, da raccogliere in un documento da presentare prima delle vacanze estive o subito dopo, a settembre.  Partecipazione democratica e metodo di lavoro. Il percorso è iniziato appunto stamani, il primo report on line tra una settimana nelle stanza ‘virtuale' dedicata alla sicurezza su Open Toscana.

"La richiesta dei cittadini è quella di sentirsi tranquilli, di vivere nella massima serenità, e per noi amministratori è fondamentale impegnarsi su questo tema - ha detto il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni - E anche se il numero dei reati nel nostro paese è in calo, il senso di insicurezza è forte:  quindi noi abbiamo il dovere di ascoltare e dare risposte a questo disagio. L'iniziativa di oggi va proprio in questo senso: lavorare in sinergia, istituzioni, forze dell'ordine e associazioni, ognuno con le proprie peculiari competenze, per trovare insieme le soluzioni. Per essere efficaci, per noi amministratori i temi su cui possiamo essere particolarmente efficaci sono quelli della videosorveglianza, dell'illuminazione, della riqualificazione degli spazi, del presidio sociale. E proprio su questo chiediamo attenzione e risorse al governo che verrà: dare risposte a questa preoccupazione è la nostra volontà".

Mentre l'assessore regionale Vittorio Bugli ha sottolineato: "Dobbiamo distinguere tra disagio sociale, che spesso è associato al degrado, e comportamenti criminali. "Servono interventi puntuali e politiche integrate. Ci dobbiamo interrogare sulla sicurezza, ma senza correre il rischio di sostituire il welfare con il controllo e la repressione. E se il problema è la disgregazione delle comunità, occorre stare attenti a non produrre ulteriore marginalizzazione. La Toscana va meglio di altre regioni, ma anche se i nostri dati sono migliori non possiamo accontentarci".  

Contatti

    • TEL +39 055 2477490
    • FAX +39 055 2260538
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • Mappa del sito
    • Viale Giovine Italia 17 50122 FI
    • Sede legale/operativa Viale Giovine Italia 17
    • Sede operativa Via Giovanni Pascoli 8 - Pisa